The first impact

The first impact

Day 2 

After the students had been grouped together, the book was decoded into its parts and the stories were assigned to each group.

We asked them what they thought about the first impact with the translation;

Here’s what they said:

“At the beginning we thought that the book would have been much harder to understand, but we discovered that it’s very simple.”

“It would seem easy to translate a book from another language into italian, which is our mother tongue,  in reality behind there is a lot of hard work. Especially in  researching more appropriate words and in the logic of the sequence of a sentence.”

“We find it is very interesting to compare and get involved in each other’s work. Translating enriches our vocabulary in English and also in Italian”.

 

Giorno 2

Dopo che gli studenti sono stati divisi in gruppi, il libro è stato decodificato nelle sue parti e le storie sono state assegnate ad ogni gruppo.

Abbiamo chiesto loro cosa ne pensassero sul primo impatto con la traduzione;

Ecco cosa ci hanno detto:

“All’inizio pensavamo che il libro fosse più difficile da capire, ma abbiamo scoperto che è di facile comprensione”.

“Sembrerebbe facile tradurre da un altra lingua all’italiano, che è la nostra lingua madre, ma in realtà dietro c’è un duro lavoro. Specialmente nella ricerca di vocaboli più appropriati e nella logica della costruzione di una frase”.

“Troviamo che sia veramente interessante confrontarsi e mettersi in gioco lavorando insieme. Tradurre arricchisce il nostro vocabolario in inglese ed anche in italiano”.