“A trip in translation” ✈

Day 4

Today we decided to take a trip straight inside the translation, and to discover how students do their work.

At first Mariella (with the help of her brother Alberto who is a professional translator) gave them some web sites: Treccani italian dictionary, Oxford dictionary, Linguee.com.

After a first “dirty” translation, the students have to read again what they have written, find more appropriate terms  and they share it on Google Docs.

Google Docs is a web storage where, with a password, you can access to the contents.

In this way Mariella can read the stories, she can underline the parts to review, and the students can write a more appropriate sentence.

Then, Anna and Paola help the students to improve the Italian translation.

So that’s how our students make their translations.

Of course it takes many revisions to come to a clean flowing text.

Giorno 4

Oggi abbiamo deciso di fare un viaggio direttamente dentro la traduzione, scoprendo come gli studenti svolgono il loro lavoro.

Per prima cosa Mariella (con l’aiuto di suo fratello Alberto che è un traduttore professionista) da loro alcuni siti web: Dizionario Treccani, Dizionario Oxford, e Linguee.com.

Dopo una prima traduzione, gli studenti rileggono cosa hanno scritto, così da analizzarlo e trovare termini più appropriati e dopo condividono tutto su Google Docs.

Google Docs è un web storage dove, con una password, si può accedere ai contenuti condivisi.

In questo modo Mariella può leggere le storie e sottolineare le parti da rivedere, così che gli studenti possano scrivere una frase tradotta meglio.

Dopo, Anna e Paola aiutano gli studenti a migliorare la resa in italiano.

Ecco quindi come i nostri studenti fanno le loro traduzioni.

Ovviamente ci vogliono molte revisioni per arrivare a scrivere un testo fluido e pulito.